Gli amanti passeggeri…

Sinossi

L’aereo diretto a Città del Messico subisce un danno al carrello. In attesa che si liberi un aeroporto attrezzato per il difficile atterraggio, il volo 2549 della compagnia Peninsula si trova costretto a girare in tondo sopra il cielo di Toledo.

Per “fortuna” a “tranquillizzare” l’animo dei passeggeri, ci sono dei “professionali” steward con la loro infallibile agua de Valencia.

Recensione

Un tuffo nel passato, quello del regista Pedro Almodòvar, che torna senza timore alla commedia anni ‘80.

Quest’ultima pellicola, trash e disinibita, si presenta colorata da personaggi sfacciati e battute esilaranti che, senza peli sulla lingua, si fanno beffa di tutti i possibili clichè satirici.

Un film leggero, indubbiamente tutto da ridere, da guardare con la pancia e con la testa tra le nuvole.

Ma se per sbaglio ci chiedessimo il perché di questa estrema volgarità e mancanza di pudore (non solo dovremo dare un significato alle parole: “pudore” e  “volgare”), dovremmo interrogarci seriamente sul soggetto di questo film.

Provate a immaginare la sensazione che evoca un aereo che gira in tondo, senza meta, che potrebbe precipitare da un momento all’altro, senza che nessuno faccia niente per cercare una soluzione.

Credo che ogni artista sia lo specchio dei nostri giorni e che, di tutti i mille modi che esistono per raccontare una storia, non è detto che si debba scegliere sempre la più scontata.

Lasciate a casa i vostri cavilli e godetevi questo sano e irriverente umorismo,

trash è bello!

Alice Coiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *